È proprio vero che l’appetito vien mangiando. Dopo la campagna acquisti più importante della nostra storia recente, alcuni tifosi e addetti ai lavori restano dubbiosi su alcune scelte della nuova proprietà. Legittimo pensarlo però perché la spesa è stata importante e forse la rosa non è del tutto completa. Tuttavia se pensiamo alle cifre faraoniche di questo mercato, forse le nostre uscite non sono state poi così spropositate e di certo abbiamo migliorato con decisione il nostro potenziale.

Logico ora ragionare su un cambio di modulo. In un certo senso sono proprio i nuovi innesti a richiederlo. La famigerata difesa a tre, pare perfetta per mettere a suo agio Bonucci ed esaltare le caratteristiche di Conti e Rodriguez. Forse lo schieramento ideale potrebbe essere nel prossimo futuro un 3-4-1-2 o un 3-4-2-1. Con un undici di questo tipo sembra più semplice anche trovare alternative dalla panchina. D’altra parte tre attaccanti con due esterni alti non possiamo più permetterceli perché ali pure non ne abbiamo.

Valorizzare il talento di Suso dietro la punta, magari meno largo ma sul centro destra, e inserire anche a partita in corso la qualità di Calhanoglu, potrebbe cambiare definitivamente la faccia del Diavolo in costruzione. Siamo di fronte ad una stagione ‘rischia tutto’ e Montella lo sa. La responsabilità è tanta ed esiste la possibilità di non centrare il piazzamento in Champions League perché la concorrenza è significativa e siamo una squadra rivoluzionata. Una sfida comunque affascinante, sopratutto se paragonata alle ultime cinque zoppicanti stagioni.

Twitter: @fabryvilla84