Una denuncia scioccante quella del presidente dell’AIA Marcello Nicchi, che svela alcune inquietanti minacce ricevute da lui e da Rizzoli

Nonostante l’introduzione del Var continua la polemica tra tifo e arbitri, che è da sempre presente nel mondo del calcio. E’ un elemento che quasi lo caratterizza. Tuttavia esistono alcuni limiti che non vanno oltrepassati, poiché quando succede le cose cominciano a farsi preoccupanti. Sono infatti davvero inquietanti le ultime dichiarazioni rilasciate da Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, ovvero Associazione Italiana Arbitri, durante una conferenza stampa a Roma.

Nicchi svela alcune scioccanti minacce rivolte sia a lui che al designatore degli arbitri di Serie A, Nicola Rizzoli. Ecco le sue parole: «Sono stati inviati alcuni plichi contenenti pallottole all’AIA – la rivelazione del numero uno AIA Questi pacchi erano indirizzati a me e a Nicola Rizzoli. Dell’intera faccenda se ne stanno occupando la Digos e il Ministero degli Interni». Poi il presidente lancia un j’accuse verso chi crea un clima pesante intorno agli arbitri: «Un giornalista ha affermato in tv che bisogna sparare agli arbitri – continua il presidente dell’AIA (Associazione Italiana Arbitri) intervenuto in conferenza stampa – ovviamente è stato denunciato». Un situazione di difficile gestione e che non sembra promettere rapidi miglioramenti.


Leggi su Calcionews24.com