La Cina prosegue nel suo cammino per ridurre l’inquinamento. Dal primo gennaio nella Repubblica Popolare è stata interrotta la produzione di 553 vetture che non rispettano i limiti del consumo di carburante.

L’arresto include anche modelli di Audi, Mercedes e Chevrolet, ma il provvedimento va a sommarsi ad altre soluzioni volte a garantire uno sviluppo sano del settore industriale a lungo termine.

Obiettivo: espandere l’uso dei veicoli elettrici. Le vendite delle auto a zero emissioni, completamente a batteria, ibridi e ibridi plug-in sono aumentate dell’83%, rispetto all’anno passato.