Patrick Cutrone, miglior bomber stagionale del Milan.

[fncvideo id=198151 autoplay=true] MILANO - Cutrone ha deciso: non vuole mai smettere di stupire. Il giovane attaccante classe 1998, agli inizi della scorsa stagione ha deciso di prendere il "Diavolo" per le corna e di indossare la maglia di bomber della squadra di Montella prima e Gattuso poi mettendo a sedere più di 60 milioni di euro in panchina (André Silva e Kalinic). Si dice, di solito, che per fare una grande squadra servano grandi acquisti ma Cutrone ha smentito tutto questo: per fare una grande squadra serve grande fame e così si è preso il Milan, lui che è più piccolo di tutti, lui che doveva andare in prestito, è rimasto per fare la storia. A sentirlo parlare verrebbe da urlare: "Noi vogliamo 11 Cutrone", perché il giovane ha ribadito tutta la sua fame e cattiveria in un'intervista a Premium "Per il Milan giocherei anche in porta..." Parole grandi, parole di chi questa squadra vuole tenersela stretta. Non bastano i 10 gol alla prima stagione in prima squadra, ora Cutrone vuole confermarsi e prendersi il Milan. Morata? Falcao? No, Patrick vuole quel posto tutto per se'. Gli addii al Milan portano oltre 90 milioni alle casse del club: CLICCA QUI Seguici anche su: Facebook / Instagram / Twitter

The post Rabbia, voglia, determinazione: l’importanza di chiamarsi Cutrone appeared first on IlMilanista.it - News su Ac Milan e calciomercato in tempo reale.