Mentre Rino Gattuso auspica rinforzi e andrà in Russia a visionare qualche potenziale acquisto per il suo Milan, La Gazzetta dello Sport riferisce di un viaggio a Milano di Yonghong Li, impegnato a rifinanziare la Rossoneri Sport Investment Luxembourg, la società che di fatto controlla il Milan. Il patron rossonero, a fari spenti e senza passare da Casa Milan, sta tentando di coprire almeno i 180 milioni (interessi esclusi) che Elliott ha prestato e che dovranno essere restituiti entro metà ottobre. Non c’è alcuna intenzione di abdicare, insomma, al punto che la tranche da 30 milioni di aumento di capitale, attesa entro fine giugno, dovrà arrivare anche nel tentativo di scongiurare l’esclusione dall’Europa League.

Secondo Tuttosport, per domani saranno evidenti i 10 milioni che Yonghong Li ha versato nelle casse del Milan per proseguire il completamento del secondo aumento di capitale. E’ anche possibile che il Milan convochi un Consiglio d’Amministrazione per ratificare l’esito del versamento. Entro fine giugno ci sarà un’altra riunione del board rossonero per gli ultimi 30 milioni di euro richiesti.

Il Corriere dello Sport, invece, torna sul mercato confermando che il nome più suggestivo resta quello del colombiano Radamel Falcao, già attenzionato nell’amichevole pareggiata dalla sua Nazionale contro l’Egitto venerdì scorso. Alvaro Morata e Andrea Belotti sono altri due pretendenti a quella maglia numero 9 che da dopo Filippo Inzaghi sembra essere diventata una vera e propria maledizione. Sempre dal CorSport, si fa il punto sugli organici tecnici: lasciano Milanello Daniele Tognaccini, giunto al Milan nel 1998, e Filippo Galli, approdato in rossonero nel 1981 come difensore centrale.