Yonghong Li finisce per schiantarsi sul mancato pagamento di 32 milioni dopo averne persi quasi 500. Lo scrive stamane il quotidiano La Repubblica, che aggiunge: un investimento difficile da spiegare, bruciato in meno di due anni.