L’ex responsabile tecnico di Suning, Walter Sabatini, presente al Salone del Libro di Torino, ha affrontato vari argomenti ai microfoni dei giornalisti presenti

A margine di un’evento a Torino presso il Salone del Libro, Walter Sabatini, ex responsabile tecnico di Suning, ha parlato ai microfoni dei cronisti: «Quella tra Inter e Lazio sarà una partita da ricordare per entrambe le squadre. Spero che l’Inter possa tirare fuori la sua vera anima, quella che per anni è riuscita a portare risultati importanti. Credo che saremo all’altezza. L’addio? Ho deciso di rescindere il contratto perché c’erano alcune questioni che non riuscivo ad affrontare del tutto a causa della mia indole. Solo il fatto di esserci stato per qualche mese fa di me un grande tifoso dei nerazzurri».

Sabatini ha continuato: «Io al Milan? I rossoneri non pensano a me. C’è sempre qualcuno che vuole abbinare il Milan ad altre persone. C’è gente che lavora in modo dignitoso ed io non voglio essere coinvolto in questa cosa. Mancini? Gli faccio un grande in bocca al lupo, il ruolo di ct non è semplice. Penso che sarà all’altezza, ma la Federcalcio dovrà fare tanto per fare in modo che l’Italia torni competitiva. La Juve? Non c’è molto da dire, è stato fatto un lavoro straordinario. La Roma? E’ stata una grande annata, ciò che hanno fatto in Champions può essere propedeutico per potersi riaffermare il prossimo anno».


Leggi su Calcionews24.com