Finale di Coppa Italia 2018, Arrigo Sacchi ha presentato Juventus-Milan ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: ecco le sue parole

La finale di Coppa Italia 2018 mette di fronte Juventus e Milan: una gara che vede favorita la formazione di Massimiliano Allegri ma che potrebbe riservare delle sorprese, come accaduto in Supercoppa italiana a Doha. Arrigo Sacchi, ex tecnico rossonero, ha presentato la sfida ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: «Se il Milan vorrà vincere dovrà ripetere la partita coraggiosa e di grande organizzazione che ha disputato il Napoli pochi giorni fa a Torino, impedendo ripartenze juventine grazie a marcature, scalate, pressing e raddoppi che non permettano ai vari Cuadrado, Douglas Costa, Higuain, Dybala eccetera di ricevere la palla da liberi o con la faccia rivolta verso la porta avversaria».

Prosegue Arrigo Sacchi ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: «Non possono mancare i collocamenti preventivi e, in fase di possesso, la velocità, i movimenti senza palla, gli smarcamenti individuali e contrari. La squadra dovrà portare più uomini dentro l’area sui cross, ma anche alternare attacchi laterali a centrali». Continua l’ex commissario tecnico della Nazionale italiana: «Gli uomini di Rino dovranno giocare una partita perfetta, ogni disattenzione verrà regolarmente punita da un gruppo che, quando crederà maggiormente nei valori di un calcio ancora più positivo e coraggioso, potrà arrivare a vincere anche l’agognata Champions».


LEGGI ANCHE: Juventus-Milan: ecco chi canterà l’inno di Mameli


Leggi su Calcionews24.com