A Londra si sta giocando il futuro del Milan. Ma questa volta non è il Wembley Stadium il campo del confronto, bensì gli uffici di alcuni hedge fund, nella City. Proprio ieri una nota del servizio di intelligence specializzato e dedicato a hedge fund e investitori, Reorg Research, ha dato un giudizio negativo alle negoziazioni in corso tra il club rossonero e alcuni soggetti finanziari finalizzate a rifinanziare il debito (303 milioni) contratto con Elliott lo scorso aprile e da rimborsare nel prossimo ottobre.

L’altro ieri l’Ad Marco Fassone, al termine dell’assemblea del club convocata per riscadenziare una piccola parte del bond da 50 milioni sottoscritto da Elliott in modo da rientrare nei parametri della Federcalcio, ha spiegato che saranno necessari ancora 30-40 giorni per il rifinanziamento e che sarebbero in corso trattative con alcuni soggetti finanziari. Il servizio Reorg Research parla tuttavia di freddezza da parte degli hedge fund contattati a Londra per realizzare il piano (che punta a raccogliere una cifra nell’ordine dei 400 milioni) soprattutto a causa della mancanza di trasparenza sulla solidità dell’imprenditore Yonghong Li.

fonte: carlofesta.blog.ilsole24ore.com