230 milioni investiti, una rifondazione eseguita con pazienza e senza lesinare lavoro e fondi: il Milan cinese ha ricominciato quasi da zero, ringiovanendo parecchio la rosa e affidandosi alle competenze di Mirabelli e Fassone in toto.