L'incontro odierno dell'ad del Milan Marco Fassone con i vertici UEFA ha riacceso i riflettori sulla tagliente spada di Damocle che pende sui rossoneri.