C’era una volta Gabriel Paletta, difensore nato in Argentina ma con passaporto italiano, che faceva discutere due Federazioni per averlo a disposizione nelle rispettive nazionali.