Quello tra il Boca Juniors e Gustavo Gomez è un matrimonio che “s’ha da fare“. Gli xeneizes sono stati i primi a mostrare interesse verso il difensore ed hanno mantenuto vivi i contatti con il calciatore paraguaiano e il suo entourage; Gomez, dal canto suo, vuole fortemente approdare alla corte di Schelotto ed è pronto a ridursi l’ingaggio.

Il Milan ha rifiutato la richiesta di prestito presentata dal club argentino, scrive Tuttosport, tuttavia i gialloblù rimangono ottimisti circa la buona riuscita dell’affare. A pendere dalla parte del Boca, c’è la volontà del calciatore e l’impossibilità da parte del Milan di ricavare 7-8 milioni di euro dalla cessione di Gomez. Gli xeneizes sono convinti che la trattativa tra Milan e Udinese, per il trasferimento di Jankto, in cui Gomez gioca il ruolo di contropartita tecnica, non andrà in porto, perciò attendono il fine settimana per avere sviluppi sul loro fronte.

La posizione del Milan è comunque chiara, nessuno lascia il Milan senza portare denaro contante in cassa. Non solo il Boca, l’inserimento della mezz’ala classe ’99 Maroni nella trattativa non pareggia la richiesta del Milan, anche il Flamengo e alcuni club di Premier League hanno mostrato interesse verso il difensore. Il Milan non regalerà niente a nessuno, anche a costo di scontentare il calciatore.