Era il 5 dicembre 2012 quando il re dei procuratori, Mino Raiola, dichiarava: “Balotelli vale quanto la Gioconda: in Italia nessuno può comprarlo”.

Poi a fine gennaio 2013, nemmeno due mesi dopo quelle parole, Balo approdò al Milan.

In mezzo tante parole, compresa la celebre “mela marcia” pronunciata da Silvio Berlusconi pochi giorni prima dell’arrivo del giocatore in rossonero.