È stato il nome più chiacchierato delle ultime settimane, per il futuro della Nazionale Italiana. Carlo Ancelotti, ospite alla Domenica Sportiva, si confessa e racconta le sue verità.

Queste le parole dell’ex tecnico del Bayern Monaco, qui raccolte dalla nostra redazione: “Mi onora il fatto che in tanti mi vogliano come allenatore della Nazionale. Allenare l’Italia sarebbe come iniziare un altro lavoro, il  ct è diverso dall’allenatore. In questo momento il calcio Italiano ha dei problemi. Ora c’è un conflitto di interessi tra club e Nazionale, si parla di riforma ma la federazione deve riuscire a diventare predominante. In questo momento il calcio italiano deve superare altri problemi prima di scegliere il Mister. Aver fallito la qualificazione ai Mondiali non è dovuto solamente ad un fatto puramente tecnico. È  un fallimento di tutto il movimento. Perché la Serie B tedesca ha più spettatori della Serie A Italiana? Perché in Italia non abbiamo gli stadi?

Allenare in Italia? Non voglio andare contro il mio passato. L’allenatore è messo lì per pagare quando le cose vanno male.  A Gattuso suggerisco una cosa, se deve affondare che lo faccia con le proprie idee piuttosto che con quelle degli altri”