Con il no dell’Uefa, il Milan passerà dal voluntary agreement al settlement agreement.

Come riporta l’edizione odierna del Corriere della Sera, il club rossonero dovrà accettare una sanzione oppure una serie di limitazioni, esattamente come successe a Roma e Inter.