Tanti errori lievi e grossolani del fischietto romano Maurizio Mariani, che non riesce a prendere per mano la gara e non si fa certo aiutare dalle distrazioni dei suoi collaboratori. Come sottolinea la moviola del Corriere dello Sport, manca il secondo giallo a Danilo Cataldi, che già ammonito stende Borini lanciato in ripartenza con un’ostruzione netta, ma Mariani dimentica i cartellini e grazia il centrocampista del Benevento.

Non fa lo stesso però nella ripresa con Alessio Romagnoli, il difensore rossonero già ammonito scivola sul contropiede di Letizia, il quale si fa ingolosire dal corpo a terra del rossonero e cerca il contatto. Gesto furbo del terzino campano e cartellino rosso per Romagnoli, decisamente troppo esagerato. Ma non finisce qui: il corner da cui nasce il 2-1 di Kalinic è inesistente, valutazione errata del guardalinee Longo che non vede l’ultimo tocco di Borini prima dopo quello di Di Chiara. Nel finale rabbia rossonera per un fallo di Djimsiti che allarga il braccio sul volto di Kalinic. Mariani non vede nulla