Non si è dormito per il dispiacere. C’è tanta amarezza e consapevolezza di non aver fatto una grandissima partita“. Ha esordito così Rino Gattuso ai microfoni di Milan TV il giorno dopo il pareggio sul campo del Benevento.

La squadra ha saputo soffrire, si è aiutata, ma sicuramente possiamo fare molto molto meglio – ha continuato il tecnico del Milan -. Sicuramente tante cose non sono state fatte nel modo giusto, mi è piaciuto lo spirito. Ricordi? Forse il quarto di finale a San Siro col Bayern Monaco e Van Buyten che segna al 92′. Ho provato le stesse emozioni, faceva meno male una coltellata che il gol di ieri. Bisogna andare avanti, ho il dovere di dare sicurezza ai ragazzi e a chi ci circonda anche perchè qui si gioca ogni tre giorni. E’ tornato al gol Kalinic su azione, penso anche a Bonaventura, a Kessie, abbiamo bisogno di tutti e sappiamo che su tanti aspetti dobbiamo migliorare, ci sono parecchie cose da sistemare. Per la voglia e la disponibilità dei ragazzi penso che arriveremo a fare qualcosa di importante. Qualche vittoria ci aiuterà a metterci sul cammino giusto”. 

E ancora: “Tante volte la consapevolezza di fare bene fisicamente arriva anche alla testa e fa fare cose impensabili. La squadra ha tenuto ritmi importanti, poi siamo calati negli ultimi venti minuti. Abbiamo pensato a difendere e anch’io ho dato un segnale negativo mettendo Zapata”.

Sui tifosi: “Sono una media di cinquantacinquemila persone ogni domenica, mezzo milione di persone da quando il Milan ha giocato in casa. Spero che ci sia sempre questo entusiasmo. La società ha investito tanto, sono arrivati giocatori importanti, tutti noi ci aspettiamo di più. Abbiamo bisogno dei tifosi, giocare a San Siro è difficile, ma spero che tutti capiscano che stiamo attraversando un momento difficile. Non sono frasi fatte, spero che ci sia pazienza e bisogno di un’atmosfera come San Siro sa fare. Abbiamo bisogno del calore dei tifosi”.

Infine sul day-after: “Abbiamo fare un’ora e mezza di allenamento con gente che ce l’ha messa tutta, anche chi ha giocato ieri ha fatto un lavoro importante. Non mi aspettavo un gruppo con una voglia così… Sull’impegno posso garantire, non basta, ma dobbiamo uscirne noi da questa situazione. Vedendo come si allenano e come stanno insieme, ho sensazioni positive”.