Il tecnico: «Il responsabile sono io: siamo troppo fragili, anche se ho visto qualcosa di positivo»