Giocasse in MLS e negli Stati Uniti, seguendo la particolare tendenza americana di appioppare alla maggiorparte degli atleti un nomignolo, il suo soprannome sarebbe già scritto: Born Ready.