gazzettarossonera.it

Personalità, leadership e “milanismo”: la ricetta per essere Capitano del Milan

Personalità, leadership e “milanismo”: la ricetta per essere Capitano del Milan

La prossima stagione, con molta probabilità, il Milan avrà un nuovo capitano “certificato”. Il motivo è legato alla partenza, ormai certa questa estate, di Alessio Romagnoli. L’ex Sampdoria, durante la sua esperienza rossonera, ha mostrato professionalità sul campo e fuori, guadagnandosi anche la fascia di capitano nel secondo anno di Gattuso, dopo l’addio di Bonucci.

Ora i candidati alla fascia sono diversi. Da Kjaer a Calabria, passando per Tonali e Ibrahimovic, tra i più rappresentanti di tre requisiti cardini: personalità, leadership e ‘milanismo’.

Capitano Milan Tonali

Considerando il fatto che Kjaer e Ibrahimovic abbiano questi tre attributi, a loro sfavore vi è la carta d’identità. L’età non permette loro di rappresentare quella continuità, ricercata dal Milan, per un progetto a lungo termine.

A questo punto, per scegliere tra Calabria e Tonali bisognerebbe guardare i dettagli. Il terzino ha fatto tutta la trafila delle giovanili rossonere e ha già indossato la fascia diverse volte. Il centrocampista è arrivato due estati fa dal Brescia ma, a farlo entrare nei cuori rossoneri, è stato il suo dimezzarsi lo stipendio per favorire alla società il suo riscatto. Così come difendere Theo Hernández su Dumfries, in un derby. Sono gesti da ‘vecchio cuore rossonero‘.

Forse è questo che rende Tonali il favorito alla successione come capitano. Tuttavia, dentro uno spogliatoio, ci sono tanti capitani. E Calabria, sicuramente, rientra tra di questi.

Francesco Scanu

spazioMilan.it

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock