L’Italia è la destinazione per cui i viaggiatori cinesi spendono di più, con una media di 918 euro a testa. E il turista cinese in media è giovane, sofisticato, indipendente e sempre connesso.

Lo afferma una ricerca elaborata da Digital Retex su dati Istat-Confturismo. Nel 2016 il 29% della spesa turistica straniera in Italia è stata sostenuta da viaggiatori cinesi che hanno toccato quota 3,7 milioni nel corso dell’anno.

Secondo le stime di Istat-Confturismo, lo scorso anno i consumatori cinesi hanno rappresentato il 55% del fatturato globale per il lusso. Nell’arco dei prossimi 5 anni un terzo dei consumi cinesi sarà in mano ai millennials, che già oggi rappresentano il 39% dei viaggiatori cinesi.